Lavorazione artigianale

Come nelle migliori tradizioni i segreti si tramandano di bocca in bocca…Caffè Poli l’ha tramandata di mano in mano, affondando le mani fra i chicchi per sceglierne la migliore qualità.

La lavorazione artigianale dei prodotti di Caffè Poli avviene da decine di anni con la cura e la passione che contraddistinguono  l’artigiano.
Infatti da anni Caffè Poli ha migliorato le sue tecniche di lavorazione artigianale creando un ciclo di produzione che fondesse il rispetto del prodotto e le sue proprietà con quelli che sono gli attuali standard tecnologici dei macchinari utilizzati. 
In questo modo, grazie alle moltissime fasi di  lavorazione e controlli, i prodotti di Caffè Poli  diventano veri e propri prodotti  artigianali che  rappresentano il massimo livello di qualità italiana. L’ esperienza permette ogni volta a Caffè Poli di proporre prodotti esclusivamente Made in Italy, molto apprezzati per la loro eccezionale aroma e qualità e per l’inteso piacere che scaturiscono

 

Ciclo produttivo: da un sacco di iuta…ad sacco di prodotti per il palato!


La scelta della Materia Prima è fondamentale per un buon caffè. Caffè Poli ricerca con cura la migliore produzione di caffè crudo/verde: robusta ed arabica, due qualità, ma un solo mix, dove si nasconde il segreto di un buon caffè.
Il grado di tostatura determina il colore e il gusto finale del caffè. Con la tostatura, i chicchi di caffè verde si trasformano in caffè in grani, chicchi friabili, leggeri, bruni e profumati da cui si ricava la polvere per l’espresso e le altre preparazioni. È in questo cruciale quarto d’ora che si formano circa 800 sostanze responsabili del gusto e dell’aroma del caffè. In un grande tamburo rotante il caffè verde viene prima asciugato per eliminare qualsiasi residuo di umidità e poi portato a una temperatura di circa 200° C, per poi essere raffreddato.
Il nostro sistema di tostatura è ad aria calda e a refrattario, metodo ancora legato alla tradizionale lavorazione del caffè che attraverso la tostatura con questa pietra permette di eliminarne le acidità.

Una volta raggiunto il grado di tostatura desiderato, il caffè deve essere raffreddato. Il processo di raffreddamento ad aria fredda lascia intatti gli aromi migliori e preserva il caffè da ogni traccia di umidità. Caffè Poli non esegue nessun tipo di raffreddamento ad acqua, in quanto questo tipo di raffreddamento crea una modificazione all’interno del chicco che fa perdere l’aroma creato con la tostatura andando ad alterare le sue proprietà organolettiche.
Il processo di spietratura ad aspirazione serve per togliere ogni residuo di impurità dal chicco. Tramite l’aspirazione i residui più pesanti del chicco vengono lasciati a terra ed eliminati. In questo modo si permette in fase di lavorazione di avere un prodotto privo di qualsiasi altra sostanza che possa alterare il prodotto.

La stagionatura del caffè avviene dopo i vari processi elencati. Il prodotto riposa per un  minimo di 10gg ad un massimo di 15gg stipati in silos per il contenimento ad atmosfera controllata a degasazione: a questo punto il chicco può buttare fuori CO2, liberandosi ulteriormente dalle impurità.

Il top della maturazione ovvero il momento migliore della lavorazione avviene quando sul chicco inizia a presentarsi sulle punte un leggera velatura oleata. In questo preciso momento il prodotto è al top della sua proprietà organolettica e quindi parte il processo produttivo del caffè e la creazione dei vari prodotti finiti.

 

“…E caffè fu”, la creazione dei prodotti: una volta finito il processo di lavorazione, vengono creati i prodotti del Caffè Poli: dai barattoli ai sacchetti, dalle cialde alle capsule, un prodotto per ogni esigenza.

 

Caffè Poli…l’artigianalità della tradizione.